Formazione online

Webinar: 3 domande sul femminismo

Prima diretta: Conosciamo davvero la storia delle donne?

Con Associazione Orlando

Seconda diretta: E se anche gli uomini fossero femministi?

Con Lorenzo Gasparrini e Cristina Gamberi

Terza diretta: Sindaca, insegnera, architetta. Perché è così difficile usare queste parole?

Con Vera Gheno e Graziella Priulla

 

Comunicazione non violenta

Banner_ComFam-2.jpg
Corso
Comunicare in famiglia
3 incontri online

Marzo 2021

Il percorso vuole avviare una riflessione con i genitori sul valore e la qualità della relazione e della comunicazione in famiglia, fornendo alcuni strumenti per individuare limiti e potenzialità del proprio stile comunicativo e proponendo alcuni elementi propri della comunicazione non violenta.

Si tratta dunque di un’opportunità per i genitori, che, ragionando sulle comuni difficoltà, possono condividere, se vogliono, l’importanza di riflettere sui propri comportamenti, esplicitare sentimenti e mettere in comune esperienze e vissuti ritenuti significativi, a partire da esempi concreti di dialogo e comunicazione. Nel gruppo il genitore diventa risorsa per gli altri e ha uno spazio per chiarirsi, esplicitare sentimenti e problemi e soprattutto sperimentare, attraverso metodologie attive e cooperative, nuove modalità comunicative, capaci di aumentare il contatto con se stesso e con gli altri. Le principali teorie di riferimento sono “la comunicazione non violenta” di M. Rosenberg e la psicologia umanistica di C. Rogers.

cnv evento.jpg

Comunicare con il cuore

Settembre 2020

Laboratori di comunicazione nonviolenta condotti dalla Dott.ssa Marianna Turriciano.

Cos’è e a cosa serve la Comunicazione Nonviolenta:
Il linguaggio che utilizziamo può essere violento anche senza accorgercene, poiché siamo facilmente abituati a ricorrere a stereotipi, giudizi e classificazioni. Esiste una difficoltà ad accedere a qualità e risorse umane che rendono l’incontro con l’altro vero, autentico ed empatico. Nelle relazioni personali, la principale conseguenza è la difficoltà a comprendersi pienamente e ad arricchire le nostre e altrui vite con azioni che provengano realmente dal cuore. Più in generale, questo contribuisce ad incrementare l’esistenza di fenomeni di discriminazione e prevaricazione.

A nessuno di noi piace essere giudicato e quando percepiamo un’accusa, una critica o una pretesa nelle parole del nostro interlocutore, facilmente ci poniamo sulla difensiva e siamo poco propensi ad ascoltare i suoi bisogni. Allo stesso modo, spesso trattiamo molto male anche noi stessi, quando non siamo all’altezza delle nostre aspettative o non riusciamo a comportarci come vorremmo.

Il processo di Comunicazione Nonviolenta (CNV) ideato da Marshall Rosenberg, psicologo americano, nasce dalla necessità di diventare maggiormente consapevoli di questi processi e fornire alternative pratiche e concrete, in modo che ciascuno possa scegliere responsabilmente come comunicare e migliorare la qualità della relazione con sé e con gli altri. Questo processo si rivela estremamente utile nella gestione dei conflitti.

La Comunicazione Nonviolenta si basa su 4 passaggi:

  1. Osservazione: descrivere le situazioni senza giudicare

  2. Sentimenti: riconoscere ed esprimere le emozioni e i sentimenti

  3. Bisogni: riconoscere ed esprimere i bisogni e differenziarli dalle strategie per soddisfarli

  4. Richieste: formulare richieste senza pretese


Programma dei 3 laboratori
Ogni incontro ha un tema preciso in cui i partecipanti possono sperimentarsi con attività ed esercizi.

- 1° laboratorio: lavoro sulle modalità di comunicare che bloccano l’empatia e sviluppo della capacità di formulare osservazioni prive di valutazioni. Lavoro sulla distinzione tra giudizi di valore e giudizi moralistici, e sulle situazioni in cui l’utilizzo della nostra forza può essere utilizzata come protezione.

- 2° laboratorio: lavoro sul riconoscimento e sull’espressione di emozioni, sentimenti e bisogni. Lavoro sulla distinzione tra i bisogni universali e le strategie personali per soddisfarli.
- 3° laboratorio: lavoro sulla distinzione tra aspettative e bisogni, sulla capacità di formulare richieste prive di pretese e sulla difficoltà di accettare i “no”. Lavoro sulla capacità di esprimere il proprio dissenso e affermare se stessi rispettando gli altri.

Ogni laboratorio ha una durata di 3 ore e prevede:
Un’introduzione per spiegare le principali caratteristiche della CNV e del lavoro proposto (circa 30 min); una parte pratica in cui vengono proposti esercizi, attività teatrali, artistico-creative, momenti di riflessione e condivisione per sperimentare in prima persona le tematiche affrontate (circa 2 ore); una parte conclusiva in cui ognuno può avere lo spazio per rielaborare l’esperienza svolta (circa 30 min). Verranno forniti materiali e schede riassuntive dei vari argomenti.

Azioni formative

Guida online: Consenso, come e perché

Cosa Leggerai? La struttura del corso è semplicissima.

  1. Cos’è il consenso.

  2. Miti da sfatare - Quando si parla di sesso, le leggende spesso sono più note dei fatti.

  3. Ma in pratica? - Ti forniamo una lista di segnali e frasi che aiuteranno a capire se il consenso c’è, oppure no. 

Tempo di lettura stimato: 25 minuti

Guida gratuita

 

Il materiale che leggerai è stato scritto da GenPol (Gender & Policy Insights), un think tank specializzato in dinamiche e politiche di genere che collabora con l’Università di Cambridge.

Visita il sito gen-pol.org

Elemento2.png

Eventi passati

Sfoglia tutti gli eventi passati